I TONI DELLO SPORT

ARCHITETTURA | Q-LAB

La città di Taipei possiede una nuova infrastruttura sportiva indoor. Il Tucheng Civil Sports Center, progettato dallo studio Q-Lab, sorge in una zona periferica della capital di Taiwan. In termini volumetrici, si configura come un incastro di tre parallelepipedi rigorosamente chiusi verso l’esterno.

Le facciate – enormi, rigorosissime e chiuse verso l’esterno – sono l’occasione per un esercizio cromatico assai audace. I progettisti le rivestono con pannelli metallici rettangolari. Per ogni volume vi è un cambio di colore (rosso, blu e grigio). All’interno della singola superficie, il colore si scompone in 3 tonalità (oltre al bianco) combinate in modo casuale e asimmetrico. La percezione è riconducibile all’effetto dei macro-pixel su larga scala, accentuato dalla distanza del complesso sportivo dall’edificato circostante.

Siamo di fronte a un uso del colore in facciata come pattern dal forte impatto sul paesaggio urbano.

POLVERE DAL PASSATO

INTERIOR | DIMORESTUDIO

Talvolta la ricerca cromatica deriva dalle immagini e dai manufatti patinati, consumati, carichi di storia e di uso. Il colore non appare originale, ma oscurato dai segni del tempo. Questo approccio memoriale è uno degli aspetti del lavoro di Dimorestudio. La ricerca di Emiliano Salci e Britt Moran, i due titolari del workshop milanese, si muove all’insegna della trasversalità in senso sia tematico (recupero del vintage d’autore, design ex novo che va dai tessuti agli interni, ecc.) sia in termini stilistici.

Sembra che le tonalità cupe, polverose sia il fil rouge che collega oggetti e superfici di epoche diverse, comunque comprese nell’arco ’50-70. Colori desaturati e anneriti, accostanti con grande sensibilità visiva, formano paesaggi interni di notevole interesse espressivo. Per Dimorestudio, la capacità di mixare range cromatici e stili è un fatto altamente intuitivo, che sfugge alla serialità e strizza l’occhio alla dimensione del pezzo unico.

DA GIOTTO AL DIGITALE

PITTURA | SALVO (SALVATORE MANGIONE)

Nel mondo della pittura figurativa Salvo (Salvatore Mangione, 1947-2015) occupa un posto molto significativo, specialmente per essere uno dei pochi esponenti a pieno titolo dell’arte postmoderna.

I riferimenti pittorici dell’artista di origini siciliane sono le figure schematiche di Giotto e di Sironi, ma con un filtro estetico del tutto originale e personale. Paesaggi statici, multicolori, privi di figure umane. Il silenzio è però bilanciato da una visione cromatica di grande energia. Il singolo quadro è invaso da una ricca palette di tonalità in contrasto, anche opponenti, con risultati elettrici.

Negli anni ’80, Renato Barilli notò il conflitto tra quelle scene metafisiche e le palette cromatiche che trascrivevano gli effetti del neon o addirittura della grafica digitale, all’epoca in fase primordiale.

Le opere di Salvo sono intrise di materia sintetica. Egli non conosce il chiaroscuro: anziché degradare verso il nero, i colori virano verso nuance inattese.

TONALITÀ CORAGGIOSE

INTERIOR | MASQUESPACIO

Lo studio professionale di cui vedete due foto, in un certo senso, sta segnando una svolta nell’interior design. Lo studio valenciano Masquespacio sta compiendo una rivoluzione nei paesaggi interni proprio grazie all’uso del colore.

Ana Milena Hernández Palacios and Christophe Penasse adottano tonalità luminose, sature, ottenute da sapienti rielaborazioni di colori elementari. Ma soprattutto puntano sul contrasto, spesso tra opponenti. Rosa Barbie, blu elettrico, rosso granato e vede bottiglia sono gli ingredienti di una sinfonia cromatica elegante ma un po’ shocking, tra postmoderno e anni ’50.

Masquespacio predilige le superfici a tinta unita. Niente pattern, al massimo dettagli d’arredo.

Crediamo che l’attività di questo studio ci invita a riflettere sulle potenzialità sconfinate del colore negli spazi interni, come portatore di nuovi codici espressivi.