INTENSI, MA NON TROPPO

INTERIOR | ROBERTO BACIOCCHI

L’architetto Roberto Baciocchi, autore delle boutique Prada in tutto il mondo, vive in un’antica casa ad Arezzo. L’architettura originale, arredata con elementi che abbracciano oltre tre secoli, è contraddistinta da finiture sofisticate e sottili, che dialogano con l’affascinante patina dell’edificio.

Tuttavia, il tema di principale interesse riguarda le applicazioni cromatiche delle pareti e dell’arredo. Baciocchi opta per colori audaci ma non violenti: ogni tinta si amalgama con le preesistenze grazie a superfici leggermente disomogenee e chiazzate, che disegnano forme asimmetriche. Questi colori… decolorati trascinano l’occhio verso i soffitti affrescati o a cassettoni, dato che le stanze sono molto alte.

Una arco stilistico e cromatico decisamente ampio ma capace di approdare a una sintesi coerente e originale.

 

Intense, but not too much – Architect Roberto Baciocchi, designer of Prada stores around the world, lives in an old house in Arezzo. The original architecture, furnished with elements spanning over three centuries, is characterized by sophisticated and subtle finishes, which interact with the fascinating patina of the building.

However, the theme of main interest concerns the chromatic applications of the walls and furnishings. Baciocchi opts for bold but non-violent colors: each color blends with the pre-existing ones through to slightly uneven and mottled surfaces, which draw asymmetrical shapes. These colors… bleached draw the eye towards the frescoed or coffered ceilings, since the rooms are very high.

A decidedly wide stylistic and chromatic arc but capable of arriving at a coherent and original synthesis.

FIORE DI LEGNO

FURNITURE | MEDULUM

Un piano in legno sorretto da archi in acciaio: sono questi gli elementi, puri ed essenziali, che compongono il tavolo Archie disegnato da Serena Confalonieri per Medulum.

Ispirandosi alla traiettoria degli oggetti che rimbalzano, la designer realizza una base dinamica e leggera, una danza di movimenti sinuosi e di richiami alle forme classiche degli archi.

Il piano in legno, solido e importante, si appoggia su questo gioco di linee dando vita a un elegante contrasto e conferendo all’oggetto una stabilità sia estetica che formale.

Pensato per ambienti domestici, ma anche per progetti contract ai quali conferire forte identità stilistica, Archie viene proposto in due versioni e due opzioni cromatiche. Pensato in versione ovale o rotonda, il piano è disponibile nella variante a tinta unita oppure in quella decorata, con una grafica multicolor desaturata, lavorata a intarsio, che riprende il concept e le forme della struttura.

 

Wooden flower – A wooden top supported by steel arches: these are the pure and essential elements that make up the Archie table designed by Serena Confalonieri for Medulum.

Inspired by the trajectory of bouncing objects, the designer creates a dynamic and light base, a dance of sinuous movements and references to the classic forms of arches.

The solid and important wooden top rests on this play of lines, creating an elegant contrast and giving the object both aesthetic and formal stability.

Designed for domestic environments, but also for contract projects to which to give a strong stylistic identity, Archie is offered in two versions and two color options. Designed in an oval or round version, the top is available in the plain color or in the decorated one, with desaturated multicolor graphics, worked in inlay, which incorporates the concept and shapes of the structure.

TRA ARTE E URBANISTICA

LANDSCAPE | CERGY-PONTOISE

L’Axe Majeur di Cergy-Pointoise, città a nord-ovest di Parigi, è un tracciato ciclopedonale che trae inizio dal quartiere residenziale progettato da Ricardo Bofill e orientato (topograficamentre e visivamente) alla capitale. L’intero complesso costituisce una delle espressioni più evidenti dell’urbanistica postmoderna, in cui il linguaggio architettonico rispecchia le forme dell’urbanistica e del disegno del paesaggio francesi dell’età barocca.

A tutt’oggi quel percorso rettilineo rappresenta un intervento assai incisivo in termini di landscape design. Dopo aver attraversato l’esedra, un parco, un’esplanade, un’installazione a 12 colonne e un altro parco, l’Axe scavalca il fiume Oise mediante una passerella rossa, costruita a partire dal 1980 in Val-d’Oise su progetto dell’artista israeliano Dani Caravan.

Concepito come un ponte sia letterale che figurato, inquadra sia il paesaggio naturale che gli elementi artificiali grazie anche all’uso del colore rosso nella versione più brillante, che riveste i parapetti e le grandi cornici distribuite in tutta la sua lunghezza.

 

Between art and urbanism – The Axe Majeur in Cergy-Pointoise, a city north-west of Paris, is a cycle/pedestrian path that starts from the residential district designed by Ricardo Bofill and oriented (topographically and visually) to the capital. The entire complex constitutes one of the most evident expressions of postmodern urbanism, in which the architectural language reflects the forms of French urban planning and landscape design of the Baroque age.

To this day, that straight path represents a very incisive intervention in terms of landscape design. After crossing the exedra, a park, an esplanade, an installation with 12 columns and another park, the Axe crosses the river Oise by means of a red footbridge, built starting in 1980 in Val-d’Oise on a project by the Israeli artist Dani Caravan.

Conceived as a bridge both literal and figurative, it frames both the natural landscape and the artificial elements thanks also to the use of red in the brightest version, which covers the parapets and large frames distributed throughout its length.