LA DONNA DELL’ASTRATTISMO

PITTURA | CARLA ACCARDI

L’opera di Carla Accardi ha contribuito certamente all’affermazione dell’Astrattismo nella pittura italiana del dopoguerra. La sua esistenza si muove in un terreno eversivo e di rinnovamento perfino in campo sociale, attraverso l’adesione al femminismo.

Il lavoro della Accardi si articola in diversi segmenti, di cui vogliamo ricordare il più recente, avviato negli anni Ottanta: l’utilizzo della tela grezza lascia trapelare gli intrecci di larghi segni colorati, dove diverse stesure cromatiche si giustappongono creando campi energetici di differenti intensità. Tra sfondi saturi o “al naturale”, lungo sagome irregolari, flessuose e labirintiche, le relazioni cromatiche coinvolgono toni moto differenti, da quelli più accesi a quelli più soft e neutri. Le composizioni della Accardi non sono mai bidimensionali, ma ripensano il tema della profondità proprio attraverso il contrasto di colore.

ARCHITETTURE DIROMPENTI

ARCHITETTURA | RENZO PIANO

Negli anni ’70, il Beaubourg progettato da Renzo Piano e Richard Rogers si presentò come una frattura (visiva) profonda nel tessuto urbano di Parigi, coerente e omogeneo. Alcuni decenni più tardi, il complesso per uffici Central St. Giles, a Londra, provoca un effetto paesaggistico molto diverso. Dal punto di vista architettonico e urbanistico, la capitale britannica è discontinua, incostante, ma capace di assorbire prontamente tutti i tipi di “incidente”. Per questo motivo, il St. Giles appare meno dirompente, nonostante l’uso del colore sulle imponenti facciate dei corpi di fabbrica irrregolari.

Lo studio di Renzo Piano ha optato per tinte pressoché primarie (arancio, rosso, giallo e verde), a forte contrasto reciproco. Per stemperare il loro impatto nel grigio cielo londinese, è stato attribuito loro un lieve coefficiente di nerezza, cui si aggiunge il chiaroscuro delle finestrature.

NON SOLO COLORE

FASHION | MISSONI

Nel concepire i negozi di Missoni in giro per il mondo, la designer Patricia Urquiola ha deciso di assecondare l’identità del brand, famoso per gli intrecci cromatici delle maglie (e non solo). Anche la progettista italo-spagnola, nel cui lavoro il tema del colore è costantemente presente, ha desiderato lavorare sugli accostamenti di nuance molto sofisticate e insolite.

Tuttavia, non è solo il colore puro a caratterizzare i punti vendita Missoni. Come accade nei capi in tessuto o in tricot, entrano in gioco i materiali e i pattern geometrici, in una sinfonia visiva accogliente e “cordiale”. Pannelli rivestiti in coloratissimi zig-zag a effetto marmo venato, parquet al naturale, lampadari in rame e altri arredi laccati danno vita a un’armonia visiva che non soverchia affatto – anzi – l’immagine del prodotto moda.

QUADRI URBANI

STREET ART | UNTERHALTER + TRUHN

Più le condizioni di lavoro sono insolite, nel tessuto urbano, più rappresentano terreno fertile per Jessie Unterhalter e Katey Truhn. La facciata cieca di un edificio, una distesa di asfalto, l’intradosso di un tunnel o un muro irrisolto possono assumere una nuova espressività grazie all’intervento delle due giovani artiste attive principalmente a Baltimora, negli USA.

Il loro lessico, fondato su accostamenti di tinte molto sature e sull’uso esclusivo di geometrie astratte, strizza l’occhio alla pittura e alla grafica degli anni ’60 e ’70, con chiaro riferimento al mondo lisergico e all’Optical, ma anche, ancora più indietro, ai linguaggi del Bauhaus.

Energia e allegria caratterizzano le loro opere urbane – che possono raggiungere anche dimensioni ragguardevoli – in versione quadro o perfino tappeto, leggibili da vicino o dall’alto degli edifici.

MATRIMONIO CALEIDOSCOPICO

ARCHITETTURA | SHANGHAI

Un grande cubo bianco racchiude un cilindro coloratissimo in vetro. In sintesi, è la configurazione architettonica della nuova sala per matrimoni realizzata a Shanghai su progetto dello studio G+ Park. La scelta tipologica generale richiama la solennità di un antico palazzo reale.

Visto l’incremento di matrimoni che la Cina sta vivendo, è stata trovata una formula capace di tradurre in chiave visiva un momento ritenuto spettacolare e gioioso. Il cilindro vitreo semitrasparente è costituito da oltre 3000 tessere trapezoidali. Le 65 tonalità cromatiche sono disposte in base alle variazioni della luce diurna. L’abbraccio “barocco” della sala è messo in risalto dal disegno radiale del pavimento, bianco come il soffitto.

Luce e colore generano uno spazio dall’altissimo gradiente emozionale.

IL PADIGLIONE SEMITRASPARENTE

ARCHITETTURA | SHIFT A+U

Nel lontano 1990, Bernard Tschumi, reduce dal successo procuratogli dal parco della Villette a Parigi, progetta cinque padiglioni vetrati a Groningen, voluti dall’Amministrazione per celebrare i 950 anni della città olandese. Cinque volumi trasparenti in vetro che esprimono la visione decostruttivista dell’architetto.

Ma per gli artisti dello studio Shift A+U uno di essi ha rappresentato l’occasione per un’installazione cromatica. Il prisma inclinato di Horeplein è stato rivestito da pellicole colorate traslucide nelle hue CYM che, a seconda degli angoli visuali, generano tonalità RGB.

Percepibile sia da fuori che da dentro, il padiglione è in grado di alterare la percezione urbana in chiave dinamica, grazie a sovraimpressioni, ombre proiettate e geometrie sghembe. Il visitatore intrattiene con esso un rapporto di tipo immersivo, in un’esperienza visiva del tutto “anomala”.