SCARPE VITAMINICHE
VITAMIN SHOES

SET UP | MATHIEU LEHANNEUR

Il mondo delle sneakers rappresenta la frontiera realmente sperimentale nel design delle scarpe. Sperimentazione tipologica, ricerca anatomica, materiali innovativi sono solo alcuni aspetti di un ambito sempre più evoluto e accattivante.

Sotto il titolo “Playground”, il MADD di Bordeaux sta dedicando a questo tema una mostra (fino al 31 gennaio 2021) assai particolare: i modelli storici con l’autografo del campione che li ha indossati a suo tempo.

Particolarmente insolito l’allestimento concepito da Mathieu Lehanneur, figura tra le più avanguardiste e visionarie del design francese contemporaneo. Esso si struttura su semplici prismi sormontati da cubi di plexiglas. La “diversità” di questo impianto scenico deriva proprio dall’uso del colore: le tre tinte (verde pallido, rosa salmone e giallo chiaro) vengono applicate in modo sfumato, a effetto spray, a riecheggiare le culture urbane giovanili.

 

The sneakers’ world represents the truly experimental frontier in shoes design. Typological experimentation, anatomical research, innovative materials are just some aspects of an increasingly evolved and captivating field.

Under the title “Playground”, the MADD of Bordeaux is dedicating a very special exhibition (until January 31, 2021) to this theme: the historical models with the autograph of the champion who wore them at the time.

Particularly unusual is the setting conceived by Mathieu Lehanneur, one of the most avant-garde and visionary of contemporary French design. It is structured on simple prisms surmounted by plexiglas cubes. The “diversity” of this scenic layout derives precisely from the use of color: the three shades (pale green, salmon pink and light yellow) are applied in a nuanced way, with a spray effect, to echo the urban youth cultures.

TRA COLORE E GEOMETRIA
BETWEEN COLOUR AND GEOMETRY

ARCHITECTURE | UNIVERSITY OF ESSEX

Il campus di Southend-on-Sea, realizzato nel 2010 per alloggiare ben 500 studenti dell’Università di Essex, è costituito da vari blocchi ad altezze differenziate, che delimitano tre lati di un vasto isolato.

Sotto un cielo quasi sempre grigio e accanto a un’edilizia tradizionale e timida, il progetto dello studio Marshall si incardina su un coraggioso uso del colore nel trattamento delle facciate, per le quali sono stati utilizzati pannelli laminati ad alte prestazioni.

Il pattern deriva dall’alternanza di cornici rettangolari in verticale e orizzontale che perimetrano le finestre. Sono stati scelti quattro colori: verde, blu, rosso e giallo con uso contrastante di nero, grigio e bianco.

Il ricorso a un sistema di costruzione prefabbricato ha consentito al colore di dare energia alle facciate ottenute con un modulo ripetitivo e di conferire al complesso un’identità inconfondibile nel paesaggio urbano.

 

The Southend-on-Sea campus, built in 2010 to accomodate 500 students from the University of Essex, is made up of various blocks of different heights, which delimit three sides of a vast block.

Under an almost always gray sky and alongside a traditional and timid building, the Marshall office’s project hinges on a courageous use of color in the treatment of the facades, for which high-performance laminated panels have been used.

The pattern derives from the alternation of vertical and horizontal rectangular frames that surround the windows. Four colors were chosen: green, blue, red and yellow with contrasting use of black, gray and white.

The use of a prefabricated building system has allowed the color to energize the facades obtained with a repetitive module and to give the complex an unmistakable identity in the urban landscape.

TONI D’ORIENTE
ORIENTAL TONES

FASHION | ISSEY MIYAKE

Fra le poche collezioni maschili presentate lo scorso luglio per la primavera estate 20-21, può davvero incantarci quella di Issey Miyake, denominata “Plissé”. Il designer nipponico ha presentato la nuova linea di menswear solo per via fotografica sul web, ma forse proprio questa soluzione appare – almeno in questo caso – realmente efficace per la valorizzazione della splendida palette cromatica.

Capi dal taglio quasi elementare, ma impreziositi dal celebre tessuto finemente plissettato, che compone casacche, pantaloni, bermuda e borse. Oltre a contrastare la semplicità del disegno con l’effetto dinamico del tessuto a fisarmonica, Miyake punta sulla scelta di colori saturi, accattivanti, che spaziano dal viola chiaro al verde acido, dal blu Cina all’albicocca. La maggior parte della collezione si affida alle tinte unite, con la possibilità di creare dei color block sofisticati ma mai leziosi.

 

Among the few men’s collections presented last July for spring summer 20-21, the one of Issey Miyake, called “Plissé”, can really enchant us. The Japanese designer presented the new menswear line only through photography on the web, but perhaps this solution appears – at least in this case – really effective for the enhancement of the splendid color palette.

Garments with an almost elementary cut, but embellished with the famous finely pleated fabric, which composes jackets, pants, Bermuda shorts and bags. In addition to contrasting the simplicity of the design with the dynamic effect of the accordion fabric, Miyake focuses on the choice of saturated, captivating colors, ranging from light purple to acid green, from China blue to apricot. Most of the collection relies on solid colors, with the possibility of creating sophisticated but never affected color blocks.

PEZZI UNICI, COLORI MAGICI
UNIQUE PIECES, MAGIC COLORS

FURNITURE | NUCLEO

Il lavoro dello Studio Nucleo rifugge dalla bipolarità arte/design. Piuttosto, è il frutto di una ricerca molto più ampia sulla materia e sulla tecnologia, che riconosce nelle resine un DNA potentissimo e inesauribile.

Dal 1 luglio a fine novembre, le più recenti collezioni d’arredo realizzate dal collettivo torinese, capitanato da Piergiorgio Robino, sono protagoniste di un’esposizione “in progress” presso la galleria Nilufar di Milano, dove le opere appariranno con cadenza mensile.

In It’s All About Color i colori sostituiscono il bianco che caratterizzava i pezzi (unici) nelle edizioni originali. Le nuove tinte, dal carattere decisamente surreale, esaltano il senso della manipolazione, della concretezza che non vuole soggiacere alla rigida geometria dei macro-pixel. E conferiscono a lampade, sedute e tavoli delle vibrazioni più intense, dei chiaroscuri che arricchiscono l’emozionalità tipica di molti arredi sperimentali.

 

The Studio Nucleo’s work shuns the art/design bipolarity. Rather, it is the result of much more research on matter and technology, which recognizes in resins a very powerful and inexhaustible DNA.

From the 1st of July to the end of November, the most recent furniture collections created by the Turin organization, led by Piergiorgio Robino, are the protagonists of an “in progress” exhibition at the Nilufar gallery in Milan, where the works will appear on a monthly basis.

In “It’s All About Color”, colors replace the white that characterized the (unique) pieces in the original editions. The new hues, with a decidedly surreal character, enhance the sense of manipulation, of concreteness that does not want to succumb to the rigid geometry of macro-pixels. And they give lamps, chairs and tables the most intense vibrations, chiaroscuro that enriches the emotion typical of many experimental furnishings.

COLORI DA PIC-NIC
PIC-NIC COLOURS

PRODUCT | PHARRELL WILLIAMS

Le posate da pic-nic di Pharrel Williams fatte con i CD. Il collettivo I Am Other della popstar americana, assieme a Pentatonic, azienda leader nell’economia circolare, ha prodotto un set ipercolorato, riciclato e riciclabile per insegnarci a fare a meno della plastica monouso.

Il progetto si chiama Pebble e consiste in un set di posate per i pasti fuori casa. Un guscio con la forma di ciottolo (cui si riferisce il nome) contiene un cucchiaio, una forchetta, un coltello, bacchette e una cannuccia. Tutto si ripiega e smonta per minimizzare l’ingombro.

Grande protagonista la plastica riciclata: la maggior parte del materiale usato arriva dalla grande dismissione di policarbonato derivante da CD, DVD e packaging alimentare. E tutto è trattato per poter essere riciclato, oltre che essere lavato in lavastoviglie.

Il kit da pasto si presenta come un mix di colori pastello per le impugnature a contrasto con le parti metalliche, realizzate in acciaio anodizzato rivestito in titanio iridescente.

 

Picnic cutlery by Pharrel Williams are made with the CDs. The organization I Am Other owned by the american popstar, together with Pentatonic, leader in the circular economy, has produced a hyper-colored, recycled and recyclable set to teach us to do without the disposable plastic.

The project is called Pebble and consists of a set of cutlery for the outside meals. A pebble-shaped shell (to which the name refers) contains a spoon, a fork, a knife, chopsticks and a straw. Everything folds up and dismantles to minimize the volume.

Great protagonist of recycled plastic: most of the material used comes from the large disposal of polycarbonate deriving from CDs, DVDs and food packaging. And everything is treated to be recycled, as well as being washed in the dishwasher.

The meal kit is presented as a mix of pastel colours for the handles in contrast with the metallic parts, realized in anodized steel covered by iridescent titanium.

ONDE ARANCIO

FURNITURE | FAULDERS STUDIO

BamScape è un micro-paesaggio cromatico commissionato dal Berkley Art Museum all’architetto Thom Faulders.

Nell’arco di 2 anni e mezzo, l’installazione ha fornito un nuovo fulcro nel grande atrio centrale del museo, che unisce discipline di arte, architettura e design. È stato concepito come un ambiente accogliente, fluido, aperto, destinato al relax, alle proiezioni di film, a spettacoli dal vivo e ad eventi multimediali. Ma è soprattutto uno spazio di sosta libera: BAMscape è dotato di rete wireless e di punti per l’alimentazione dei device digitali.

Per ottenere la massima presenza volumetrica entro i limiti di budget, il sistema pre-fab si è basato su processi di taglio laser CNC per la produzione personalizzata dei 150 singoli moduli curvi in schiuma poliuretanica, composta per il 93% da aria. La superficie è invece costituita da compensato laccato in arancione. Il colore collabora alla reinterpretazione del grande spazio di impronta brutalista, grigio, severo e spigoloso.