IL FESTIVAL DEL COLORE

ARTE | COACHELLA

Innanzitutto musica, ma anche moda, arte, design e tanta, tanta amicizia. Questi sono gli ingredienti di Coachella Valley Music and Arts Festival, che si è svolto lo scorso aprile, come accade da vent’anni in qua, nell’Empire Polo Field di Indio, in California.
La manifestazione, che attira un pubblico enorme e prevalentemente giovane, è l’incubatore di nuove tendenze: sotto l’egida della musica alternative ed elettronica, si sperimentano nuovi linguaggi trasversali e multidisciplinari.

Le installazioni artistiche del 2019 sono state concepite e realizzate nel segno del colore, con potenza visiva sia di giorno che di notte. La più “virale” è certamente Sarbalé Ke, l’aggregato di gigantesche strutture tronco-coniche progettate da Francis Kéré, con squame rosa, arancio e blu.
Le tinte arcobaleno caratterizzano invece Spectra la torre cilindrica con cui Newsubstance ha voluto esplorare il rapporto tra la luce e paesaggio nel contesto del festival.

Perfetto sia per la sosta che per i selfie, Colossal Cacti, di Office Kovacs: una piantagione di cactus geometrici, di ispirazione pop-postmoderna.

COME UN LOMBRICO COLORATO

DESIGN | BLÅ STATION

La tipologia non riveste alcun carattere di novità, anzi… L’aggregazione lineare (e teoricamente illimitata) di moduli imbottiti rappresenta, per il divano Bob, una soluzione tipica di alcune proposte italiane degli anni ’60 (Zanuso, Boeri, ecc.). Tuttavia, questo modello disegnato da Stefan Borselius e Thomas Bernstrand riattualizza il concetto del divano estensibile a piacere introducendo una comportamentalità nuova. Oltre a stabilirne con precisione la lunghezza, il cliente può giocare liberamente sulla combinazione cromatica del rivestimento tessile.

Nelle foto è riportata la versione “Airport”, senza braccioli, che appare più essenziale e schematica di quella pensata per l’ambiente domestico.

La Blå Station, l’azienda svedese che produce il modello, mette a disposizione una gamma estesissima sia di soluzioni geometriche (raccordi, ecc.) che di colori. Questi ultimi, guarda caso, sono proprio NCS!

LE VELE ORIGAMI

ARCHITETTURA | TEXAS

Il complesso architettonico del Westside Natatorium di El Paso (Texas) si presenta come un aggregato di volumi schematici e austeri, con rivestimento grigio, dove la funzione prevale sulla ricerca formale.
Per contrappuntare questo rigore, i progettisti (Marc Fornes + Theverymany) hanno deciso di creare, all’esterno, un elemento accattivante e scenografico, con valenza quasi emozionale.

L’ingresso viene enfatizzato da una pensilina sinusoidale a tre ali che, come un veliero colorato, accoglie gli utenti, diventando così la parte caratterizzante del centro sportivo.

Il manufatto, dotato di forte tridimensionalità, è costituito dall’assemblaggio di moduli metallici, con l’effetto finale di un origami. Questi sono verniciati in azzurro e giallo, a scacchiera. I punti di appoggio sono plinti di cemento fruibili come panchine.

Un pattern optical, decisamente dinamico, metafora del mare.

RAGNATELE ARCOBALENO

ARTE | GABRIEL DAWE

Gabriel Dawe è nato a Città del Messico, dove è cresciuto circondato dall’intensità e i colori della tradizione messicana. Dopo aver lavorato come graphic designer, si trasferisce a Montreal, in Canada, nel 2000, dove comincia a sperimentare e a creare opere d’arte, arrivando a esplorare i tessuti e il ricamo. In breve tempo, il lavoro di Dawe si è evoluto nella creazione di installazioni di grandi dimensioni con il filo da cucito.

Tra il 2010 e il 2016 dà vita al ciclo di installazioni denominate “Plexus”, che si presentano come ragnatele intricate ma ordinate geometricamente, audaci e delicate allo stesso tempo. Mentre appaiono eteree e impalpabili sul piano fisico, sono accattivanti ed energiche su quello visivo grazie all’impiego costante delle tinte arcobaleno.

Nella loro semitrasparenza, quei vortici intrattengono con lo spazio preesistente un rapporto complesso, che apre nuove modalità di percezione e di esperienza visiva, anche in relazione alle diverse tipologie di luce.

MAGLIERIA MAGICA

MODA | MISSONI HOME

Per la settimana del design di Milano (9-14 aprile), Missoni ha voluto un’installazione singolare nel proprio showroom, curata da Alessandra Roveda.

L’ambientazione è consistita in un interior ricoperto in ogni sua parte di maglia variopinta, con un esito a dir poco magico, fiabesco e anche un po’ naïf.
Straordinario saggio d’arte e artigianalità, il lavoro della Roveda ridisegna e reinventa lo spazio cosi come la consistenza e la concezione degli elementi d’arredo, trasformando l’habitat in un’esperienza avvolgente e coinvolgente, sensuale, colorata e morbida, che assegna alla maglia il ruolo di assoluta protagonista.

Secondo la pratica artistica dello yarn bombing, trasforma il crochet in un’affascinante onnicomprensiva veste delle cose, un trait-d’union tra passato e futuro, rendendo evocativa e al tempo stesso imprevedibile, aliena e unica la fisionomia di mobili della memoria, comuni oggetti d’affezione come divani, letti, poltrone, libri, librerie, orologi a pendolo e molto altro ancora.

CANYON ARCOBALENO

ARCHITETTURA | SINGAPORE

La volumetria della Nanyang Primary School, appena completata a Singapore su progetto di Studio 505, si basa su due corpi allungati e paralleli, tra i quali si forma un percorso pedonale interno, che funge simultaneamente da spazio di aggregazione e di distribuzione.

La soluzione della facciata a strisce multicolor orizzontali, già presente verso la strada, si ripropone anche sui fronti del percorso privato, ma con un effetto visivo molto più dirompente e sofisticato.

Il gioco prospettico è amplificato dalla corsa delle stesse strisce, che corrono ininterrotte per tutto lo spazio a cielo aperto. E la curva intermedia contribuisce alla dinamicità di questa scena lineare.

Sono presenti tantissime tinte di ogni range cromatico (peraltro in versioni prevalentemente sature), ma non vi è alcun accumulo casuale: esse sono accostate e alternate con particolare cura, tanto da formare una percezione armonica sia nella visione generale sia isolando singole porzioni del rivestimento.